Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

DECRETO LEGGE 16 MAGGIO: SPOSTAMENTI E RIAPERTURE, COSA CAMBIA DAL 18 MAGGIO

Data:

17/05/2020


DECRETO LEGGE 16 MAGGIO: SPOSTAMENTI E RIAPERTURE, COSA CAMBIA DAL 18 MAGGIO

Il Decreto legge 16 maggio 2020 n°33, pubblicato in Gazzetta ufficiale, è il nuovo decreto che regolamenta la nuova fase dell’emergenza coronavirus al via dal 18 maggio

In breve le principali novità.

SPOSTAMENTI: COSA PREVEDE IL NUOVO DECRETO LEGGE

Dal 18 maggio, via libera agli spostamenti all’interno della propria regione di residenza senza autocertificazione, con mezzi propri e pubblici. Sempre consentito il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza, anche al di fuori della regione in cui ci si trova.

Cadono tutte le limitazioni su chi si può incontrare: sarà possibile quindi vedere gli amici così come chiunque altro. Resta il divieto di assembramenti e l’obbligo di rispettare tutte le misure preventive, a partire dalla mascherina facciale.

Gli spostamenti saranno vietati ai soggetti risultati positivi al coronavirus e ancora in quarantena, così come alle persone che sono entrate in contatto con soggetti positivi, fino alla fine del loro periodo di isolamento.

Fino al 2 giugno incluso vietati invece gli spostamenti fuori regione, da e per l’estero: si potrà viaggiare fuori dalla propria regione, da e per l’estero solo in caso di comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute.

Il 3 giugno 2020 via libera agli spostamenti tra regioni diverse. Non è ancora un “liberi tutti”, perché anche gli spostamenti interregionali potranno essere limitati “secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree”. Se i dati sul contagio da coronavirus dovessero tornare a peggiorare, o se alcune zone venissero considerate ancora ad alto rischio, le autorità centrali e regionali potrebbero decidere di introdurre dei nuovi divieti.

Sempre il 3 giugno 2020 tornerà la possibilità di effettuare spostamenti da e per l’estero. Si parla per il momento di paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen e anche in questo caso potrebbero applicarsi restrizioni sulla base del rischio epidemiologico dei paesi di provenienza e destinazione.

LE RIAPERTURE: COSA PREVEDE IL NUOVO DECRETO LEGGE

Lunedì 18 maggio è il giorno delle riaperture delle attività economiche:

  • bar;
  • ristoranti;
  • parrucchieri;
  • estetisti;
  • centri commerciali.

Tutto, però, deve svolgersi “nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio”.

Distanziamento sociale di almeno un metro, obbligo di mascherine e tutte le regole di sanificazione previste per ciascun settore economico. Il mancato rispetto porterà alla sospensione dell’attività.

Dal 25 maggio è stata programmata la riapertura di:

  • palestre;
  • piscine;
  • centri sportivi.

Dal 15 giugno potranno riprendere le loro attività cinema e teatri.

Testo del decreto legge 16 maggio 2020 in formato pdf

 


484