Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Il Console

 

Il Console

Pietro Maria Paolucci

è nato a Castel Sant’Elia (VT) il 7 dicembre del 1963.

Inizia la sua carriera nella pubblica amministrazione nel 1990 passando tra vari ministeri (Tesoro, Trasporti e Commercio internazionale) fino a superare il concorso presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri come Referendario.

In circa trent’anni di attività nella pubblica amministrazione ha assunto incarichi di alta expertise tecnica in istituzioni strategiche del Paese, a supporto diretto di organi di indirizzo politico amministrativo e di figure dirigenziali apicali, con attività di gestione dei rapporti con le istituzioni ai diversi livelli di governo nazionale europeo ed internazionale e dei rapporti tra amministrazioni e stakeholders, associazioni rappresentative e altri soggetti privati. Approfondita la conoscenza delle dinamiche istituzionali sui versanti politico e amministrativo.

È stato Capo della delegazione italiana presso i tavoli dell’U.E. ed i fori internazionali di controllo ed ha contribuito alla redazione delle normative a livello internazionale sulle materie della proliferazione delle armi di distruzione di massa.
Marcate le abilità organizzative e strategiche, sviluppate grazie anche a un’ampia esperienza nella titolarità di incarichi di vertice e di coordinamento (rivestendo i ruoli di componente di struttura tecnica di coordinamento, esperto senior). Forte motivazione e determinazione nel conseguire risultati di eccellenza.

Varie le specializzazioni giuridiche e linguistiche, conseguite in ambito nazionale, europeo ed internazionale.

È abilitato all’esercizio della professione forense ed iscritto all’Ordine del Giornalisti del Lazio e del Molise.

È stato insignito dell’onorificenza di Commendatore al merito della Repubblica italiana dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e, il 15/2/2013, con medaglia della Società Statale “Rosatom” (RUSSIA) “Per la collaborazione internazionale in campo nucleare” per il contributo considerevole nella realizzazione dei progetti nell’ambito della Global Partnership “G8” per la riabilitazione dei siti costituenti pericolo nucleare e radiologico del patrimonio nucleare e per l’incremento della sicurezza nucleare nella Federazione Russa.

È coniugato con due figli.

Curriculum vitae

 

 


91