Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

NUOVE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI

Data:

05/05/2020


NUOVE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI

maeci consolato italia v it 12 

Il Console d’Italia a Basilea

VISTO il DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 22.03.2020;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 01.04.2020;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 10.04.2020;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26.04.2020;

CONSIDERATI i provvedimenti delle autorità locali e l'evoluzione del quadro epidemiologico nella Circoscrizione di competenza e in tutta la Svizzera;

DISPONE

l’adeguamento delle misure di accesso ai locali del Consolato, che avverrà in una situazione di alta vigilanza data la continua persistenza del rischio di contagio.

I locali del Consolato sono accessibili previo il rispetto delle normative atte a contenere il diffondersi del virus e in particolare:

  1. distanziamento tra funzionari e pubblico di 2 metri;
  2. utilizzo di mascherine protettive e guanti;
  3. utilizzo di dispositivi igienizzanti per le mani (gel disinfettanti);
  4. divieto di accesso a persone con temperatura corporea da 37,5°;
  5. distanza di sicurezza (2 metri) tra operatore e richiedente il servizio;
  6. accesso ai locali del consolato così regolato:
    1. in ambienti minori di 40 mq dovrà essere garantito il rapporto di un funzionario e un cliente;
    2. in ambienti di 40 mq è consentito l’accesso di una persona e un massimo di 2 operatori;
    3. in ambienti maggiori di 40 mq l’accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e uscita.
  7. Negli spazi aperti del Consolato non sono consentiti assembramenti superiori a cinque persone e, comunque, nel rispetto delle regole del distanziamento sociale indicato ai punti 1 e 2;
  8. Gli ambienti saranno puliti costantemente e saranno effettuate giornalmente pulizie approfondite degli uffici così come della mobilia;
  9. Non sarà consentito l’utilizzo di denaro contante salvo casi eccezionali di comprovata urgenza, valutati dagli operatori consolari o dovuti a malfunzionamento degli apparecchi bancomat.
  10. Il pagamento delle percezioni consolari avverrà con pagamento anticipato tramite bonifico su apposito conto postale/bancario e, ove possibile, tramite l’utilizzo di bancomat.
  11. Affinché siano garantite le regole del distanziamento sociale e il rispetto dei parametri sopra esposti, l’accesso in Consolato avverrà solo tramite appuntamento telefonico o via mail per tutti i servizi, al fine di gestire le richieste e valutare l’urgenza di ciascuna.
  12. Priorità assoluta, soprattutto per il rilascio di documenti di viaggio, sarà lo status di solo cittadino italiano con documenti scaduti o in scadenza.

A tal proposito fa presente che l’art. 104 del Decreto Legge del Governo italiano n. 18/2020 ha disposto la proroga di validità dei documenti italiani di riconoscimento e di identità già scaduti o in scadenza successivamente alla data di entrata in vigore del Decreto Legge (17.03.2020).

Tale proroga prevista fino al 31.08.2020, con il decreto-legge 19 maggio 2020, n.34, cosiddetto "decreto Rilancio", convertito con la legge n. 77/2020, è stata ulteriormente prolungata. 

La validità dei passaporti e carte d'identità è prorogata fino al 31.12.2020 ai fini della sola identificazione personale; quindi i documenti scaduti non sono validi per l'espatrio e attraversamenti di confine.

Tale proroga dovrebbe essere sufficiente anche per il rinnovo dei permessi di soggiorno.

Lo è per il rilascio di documenti da richiedere ad altri settori consolari (codice fiscale, certificati stato civile, pratiche notarili, documenti di equipollenza etc.).

Sulla base di quanto sopra esposto, a tutela della salute dei dipendenti e degli utenti, i servizi consolari erogati ai cittadini sono rimodulati affinché:

  1. le norme sopra riportate siano rispettate;
  2. siano garantiti ai cittadini i servizi essenziali richiesti;
  3. siano ridotti i tempi di attesa/permanenza del pubblico negli uffici, nelle sale d’attesa e negli spazi esterni del Consolato.

Nel dettaglio l’organizzazione dei servizi è così disposta:

Anagrafe (AIRE) e Stato Civile (basilea.airestatocivile@esteri.it  - 061 690 98 41 / 061 690 98 44):

Il servizio al pubblico è svolto prevalentemente e prioritariamente in modalità a distanza, in particolare attraverso l’uso della piattaforma informatica (FAST IT) e della modulistica disponibile sul sito. I funzionari incaricati valuteranno i casi singolarmente e ove necessario, sarà concesso l’appuntamento per il disbrigo della pratica, nel rispetto delle modalità suddette, in particolare i punti 6 e 7 e predisponendo gli accorgimenti di protezione / distanziamento già citati ai punti da 1 a 5. Per le persone anziane o comunque con scarsa conoscenza informatica, in deroga alla procedura usuale e alla compilazione di appositi moduli, è consentito l’invio della richiesta redatta su carta semplice.

Le richieste di certificati (cittadinanza, cumulativo, stato civile etc.), ove possibile, saranno adeguatamente gestite a distanza, con la modulistica disponibile sul sito e con il pagamento anticipato tramite bonifico bancario/postale e invio del certificato a mezzo posta a carico del destinatario.

Passaporti (basilea.passaporti@esteri.it   - 061 690 98 47 / 061 690 98 48 / 061 690 98 50):

L’accesso all’Ufficio è regolato principalmente sulla base di quanto disposto ai punti 6, 7, 9, 10, 11, 12 e predisponendo gli accorgimenti di protezione / distanziamento già citati ai punti da 1 a 5.

Prima di procedere al rilascio dell’appuntamento è necessaria la verifica della situazione anagrafica e di Stato Civile del richiedente. Le casistiche possono essere:

  • Situazione in ordine: si procede al rilascio dell’appuntamento;
  • Situazione parzialmente in ordine (cambio d’indirizzo, etc.): l’interessato dovrà sistemare la posizione anagrafica/stato civile tramite ricorso a procedura online. Sistemata la propria posizione anagrafica/stato civile ricontatterà l’ufficio passaporti per il rilascio dell’appuntamento;
  • Situazione critica (divorzio, matrimonio, figli non registrati, non presente in SIFC/CIC etc.): l’interessato dovrà contattare l’ufficio anagrafe/stato civile, risolvere la/le problematiche. Sistemata la propria posizione anagrafica/stato civile ricontatterà l’ufficio passaporti per il rilascio dell’appuntamento.

Carte d’identità (ci_conbasi@esteri.it   - 061 690 98 31 / 061 690 98 51 / 061 690 98 49):

L’accesso all’Ufficio è regolato principalmente sulla base di quanto disposto ai punti 6, 7, 9, 10, 11, e 12 e predisponendo gli accorgimenti di protezione / distanziamento già citati ai punti da 1 a 5.

La consegna della domanda per la richiesta di rilascio della carta d’identità dovrà avvenire tramite posta o in casi eccezionali stabiliti dal funzionario preposto, per appuntamento. In caso di appuntamento, prima di procedere al rilascio dell’appuntamento per la consegna della documentazione è necessaria la verifica della situazione anagrafica e di Stato Civile del richiedente. Come per i passaporti le casistiche possono essere:

  • Situazione in ordine: si procede al rilascio dell’appuntamento per la consegna della documentazione;
  • Situazione parzialmente in ordine (cambio d’indirizzo, etc.): l’interessato dovrà sistemare la posizione anagrafica/stato civile tramite ricorso a procedura online. Sistemata la propria posizione anagrafica/stato civile ricontatterà l’ufficio per il rilascio dell’appuntamento;
  • Situazione critica (divorzio, matrimonio, figli non registrati, non presente in SIFC/CIC etc.): l’interessato dovrà contattare l’ufficio anagrafe/stato civile, risolvere la/le problematiche. Sistemata la propria posizione anagrafica/stato civile ricontatterà l’ufficio per il rilascio dell’appuntamento.

Ricevuto il nulla osta dal Comune italiano di iscrizione AIRE, previo pagamento, si procede alla stampa e consegna del documento tramite appuntamento.

Assistenza (assistenza.basilea@esteri.it  - 061 690 98 40):

L’accesso all’Ufficio è regolato principalmente sulla base di quanto disposto ai punti 6, 7, 9, 10, 11, e 12 e predisponendo gli accorgimenti di protezione / distanziamento già citati ai punti da 1 a 5.

Per le richieste di interventi di assistenza (sussidi, prestiti ecc.), per i quali è necessario il contatto diretto, si procede come disposto ai punti 6, 7, 9, 10, 11, e 12 e predisponendo gli accorgimenti di protezione / distanziamento già citati ai punti da 1 a 5.

Per quanto riguarda l’assistenza ai detenuti, ove richieste e compatibilmente con la realtà locale, in questa fase si effettueranno visite consolari “telefoniche” ai connazionali detenuti per ricevere rassicurazioni sulle loro condizioni di salute, nonché essere informati sulle precauzioni che i penitenziari stanno adottando per fronteggiare l’eventuale diffusione in carcere del COVID 19.

Notarile /Codice fiscale (notarile.basilea@esteri.it  -  061 690 98 52 / 061 690 98 54):

L’accesso all’Ufficio è regolato principalmente sulla base di quanto disposto ai punti 6, 7, 9, 10, 11, e 12 e predisponendo gli accorgimenti di protezione / distanziamento già citati ai punti da 1 a 5.

Gli appuntamenti relativi alle pratiche notarili saranno rilasciati solo ove necessario e in caso di comprovata necessità, stabilita dal funzionario incaricato e comunque tenendo presente quanto disposto.

Le richieste del codice fiscale sono accettate esclusivamente tramite posta elettronica o posta ordinaria. Qualora dovessero esserci problemi anagrafici, i richiedenti saranno invitati a rivolgersi in prima istanza all’Ufficio Anagrafe/Stato Civile e poi ad inviare la richiesta nelle forme sopra esposte. Gli invii dei codici cartacei saranno effettuati tramite posta elettronica o posta ordinaria, con spese d’invio a carico del richiedente. Il cartellino plastificato sarà inviato per via posta ordinaria.

Con il verificarsi di eventi, disposizioni di legge, normative, e quant’altro che preveda sostanziali modifiche e/o contrapposizioni rispetto a quanto attualmente disposto, si provvederà alla revisione/modifica/annullamento delle modalità di erogazione dei servizi consolari attualmente disposto.

 

Il Console

Pietro Maria Paolucci

 

Torna su


478